Acne rosacea: Definizione, sintomi e fattori di rischio

Acne Rosacea

Definizione

L’acne rosacea è una malattia infiammatoria cronica della pelle, che colpisce prevalentemente soggetti adulti, con carnagione e capelli chiari (per questo è conosciuta anche come la “Maledizione dei Celti“). L’esordio della patologia dermatologica è accompagnato da un arrossamento localizzato principalmente su guance, naso, mento e fronte.
L’acne rosacea tende ad avere un decorso progressivo, quindi i sintomi tendono a peggiorare nel corso del tempo: il rossore tende ad aumentare fino a diventare persistente. Se non trattata adeguatamente, l’acne rosacea può dare origine a lesioni cutanee, gonfiore del naso ed interessare anche la regione attorno agli occhi (rosacea oculare). Per alcuni soggetti il decorso della rosacea è ciclico: i sintomi possono acuirsi per un periodo limitato ad alcune settimane o mesi, per poi diminuire prima di aggravarsi nuovamente.
L’acne rosacea può essere confusa con altri disturbi dermatologici, come un’allergia cutanea o un eczema. Il trattamento della patologia può controllare e ridurre i segni ed i sintomi caratteristici della malattia.

 

Sintomi

I segni che caratterizzano la rosacea sono di diversa natura e possono manifestarsi con diversa gravità, coinvolgendo in alcuni casi anche occhi e naso. Spesso, la zona della pelle colpita da acne rosacea può presentare gonfiore, calore e rossore. I sintomi tendono ad essere più severi in soggetti di sesso maschile, probabilmente perché raggiungono fasi avanzate del disturbo senza sottoporsi a diagnosi precoce e trattamento medico adeguato (le donne, anche se sfavorite dalla maggior incidenza della malattia, circa tre volte superiore rispetto agli uomini, ricorrono prima alle terapie).
La rosacea si presenta con diversi sintomi, tra i quali possiamo trovare:

  • Rossore sul viso(o vampate di calore): l’arrossamento può essere improvviso o persistente e si localizza al centro del volto. La comparsa di questo sintomo può essere accompagnata da bruciore e leggero gonfiore.
  • Comparsa di lesioni e papule(piccoli rilievi della pelle) o pustole (quando i rigonfiamenti contengono pus).
  • Rinofima: gonfiore del naso.
  • Teleangestasia: piccoli vasi sanguignivisibili sul naso e guance (a causa della loro dilatazione).
  • Ispessimento della pelle: l’acne rosacea può fare ispessire la pelle della fronte, del mento, delle guance o di altre zone.
  • Irritazione e sensazione di bruciore agli occhi(rosacea oculare): quando l’infiammazione colpisce anche la regione oculare e le palpebre. I sintomi a carico degli occhi sono: rossore, secchezza, bruciore, prurito, gonfiore delle palpebre, accentuata sensibilità alla luce e lacrimazione. La rosacea oculare colpisce quasi la metà delle persone affette da acne rosacea.
  • Alcuni sintomi dell’acne rosacea possono svilupparsi anche su collo, torace, cuoio capellutoe orecchie.

L’acne rosacea solitamente si sviluppa in quattro fasi:

  • Pre-rosacea: può iniziare con una tendenza ad arrossire facilmente, per poi evolvere in un rossore persistente nella parte centrale del viso. L’arrossamento è il risultato della dilatazione dei vasi sanguigni più vicini alla superficie della pelle.
  • Rosacea vascolare: quando i segni e sintomi peggiorano si può sviluppare la teleangestasia, compaiono piccoli vasi sanguigni sul naso e sulle guance, visibili sulla pelle (come piccole linee rosse). Questa fase è caratterizzata dalla presenza di gonfiore e sensibilità accentuata dell’area interessata.
  • Rosacea infiammatoria: possono comparire papule (piccoli rigonfiamenti rossi) diffuse a tutto il naso, guance, fronte e mento. In questa fase possono apparire anche pustole (rilievi pieni di pus). Nota: la comparsa di questi due sintomi rende l’acne rosacea simile all’acne comune, sebbene le due condizioni siano totalmente diverse e richiedano trattamenti specifici.
  • Rosacea avanzata: la malattia manifesta con più intensità i sintomi precedenti. Aumentano l’arrossamento della pelle ed il numero dei vasi sanguigni visibili. In questa fase, la pelle si può ispessire e determinare il rinofima (le ghiandole sebacee del naso e, talvolta, le guance si gonfiano a causare un accumulo di tessuto sopra ed intorno al naso, che appare bulboso). Quest’ultima condizione è più comune negli uomini e si sviluppa lentamente nel corso degli anni.

 

Cause

Le cause che determinano la condizione patologica sono sconosciute e probabilmente multifattoriali: esiste una combinazione di fattori ereditari, ambientali, psicologici ed immunologici che rende suscettibili all’insorgenza di tale disturbo dermatologico.
Alcuni fattori possono aggravare o peggiorare l’acne rosacea, contribuendo ad aumentare il flusso di sangue verso la superficie della pelle (i vasi sanguigni si dilatano con troppa facilità, provocando così le vampate di calore).Le cause che possono contribuire all’arrossamento della pelle o ad una progressione dell’acne rosacea, includono:

  • alimenti o bevande caldi, piccanti o speziati;
  • assunzione di alcol;
  • temperature estreme: troppo fredde o troppo calde;
  • esposizione alla luce del sole, al vento;
  • stati emotivi: stress, rabbia o imbarazzo;
  • esercizio fisico eccessivo;
  • bagni caldi, sauna;
  • menopausa;
  • familiarità;
  • disturbi della microcircolazione;
  • infezioni da Helicobacter pylori;
  • proliferazione dell’acaro Demodex follicolorum (presente per i cambiamenti del tessuto connettivo che creano un ambiente favorevole alla sua riproduzione);
  • uso prolungato di corticosteroidi e di farmaci che dilatano i vasi sanguigni (per il controllo della pressione del sangue).

 

Fattori di rischio

Chiunque può sviluppare acne rosacea, ma le categorie più a rischio sembrano essere:

  • individui con pelle, capelli e colore degli occhi chiari (per questo definita la “Maledizione dei Celti“);
  • la comparsa della patologia si concentra tra i 30 ed i 60 anni di età, soprattutto in donne durante la menopausa;
  • soggetti con la tendenza ad arrossire facilmente;
  • propensione ereditaria (sarebbe ricorrente nell’ambito di una stessa famiglia).

 

Trattamento

Non esiste una terapia vera e propria deputata alla cura dell’acne rosacea, ma il trattamento può alleviare i sintomi e controllarne la progressione. Il dermatologo (medico specialista per le malattie della pelle) può consigliare il regime di trattamento medico più adeguato, oltre all’estetista che potrà raccomandare alcuni idratanti, detergenti delicati, creme solari e trattamenti lenitivi per migliorare la salute della pelle.
Esistono diverse alternative che consentono di trattare la rosacea: potrebbe essere necessaria una combinazione di farmaci applicati a livello topico (lozione, crema o gel) e cosmetici rieducativi per controllare la reattività della pelle e per rinforzare le pareti dei capillari (flavonoidi) e le reazioni ossidative oppure integratori da assumere per via orale (pillole, capsule o compresse). La durata del trattamento dipende dal tipo e dalla gravità dei sintomi. Spesso, è necessaria una terapia a lungo termine per evitare che i sintomi si presentino nuovamente.


Stile di vita

In caso di acne rosacea è fondamentale ridurre al minimo i fattori che influenzano la riacutizzazione dei fenomeni di arrossamento:

  • usare una protezione solare ad ampio spettro, con fattore di protezione solare SPF (almeno pari o superiore a 30) per proteggere il viso dai raggi UVA e UVB;
  • durante i mesi invernali, proteggere il viso con una sciarpa;
  • evitare di strofinare o toccare troppo la pelle del viso, per evitare di irritarla;
  • evitare prodotti per il viso che contengono alcol o irritanti per la pelle: utilizzare detergenti non aggressivi ed idratanti delicati;
  • utilizzare prodotti etichettati come non comedogenici (oppure oil-free), che non ostruiscano i pori;
  • evitare ambienti molto caldi;
  • evitare il consumo di bevande alcoliche;
  • evitare gli stress emotivi.


Considerazioni finali

La rosacea è una malattia recidivante: i sintomi possono variare in termini di gravità, ma possono comunque essere controllati con l’utilizzo di adeguate terapie. Individuare in maniera precoce una strategia per contrastare i segni connessi al suo decorso, che comprenda il miglioramento delle abitudini personali, può contribuire a limitare i disturbi dell’acne rosacea.

INOLTRE E’ FONDAMENTALE RIVOLGERSI ALLA PROPRIA ESTETISTA DI FIDUCIA  CHE SAPRA’ SEMPRE  CONSIGLIARE TRATTAMENTI MIRATI IN ISTITUTO E LA GIUSTA AUTOCURA DOMICILIARE DA ATTUARE OGNI GIORNO E PER UN TEMPO INDEFINITO CHE PUO’ ESSERE ANCHE PER SEMPRE MA COSA ANCOR PIU’ IMPORTANTE E’ UTILIZZARE UNO O PIU’ COSMETICI CON AZIONE RIEDUCATIVA DEI METABOLISMI CELLULARI E DELLA REATTIVITA’ DELLA PELLE COME I NOSTRI COSMETICI DELLA LINEA INSTITUTE ESTHEDERM STIMATI DA MOLTI CENTRI ESTETICI E DALLE FARMACIE DI TUTTO IL MONDO.

 

Prenota una consulenza

☎️  chiama 06/43421357 

oppure scrivi un whatsapp al 349/8153717


DOVE SIAMO?

Ci troviamo in zona Talenti/RomaVia Cristoforo Landino, 15/17,
00137 Roma RM


Chiamaci o avvia la chat su whatsapp per info

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è chiamaora.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è md_5b321c98efaa6-150x150.png

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.